• 1terme-aq.jpg
  • 2terme-sg.jpg
  • 3paesaggio.jpg
  • 4rapolano.jpg
  • 5serre.jpg
  • 6armaiolo.jpg
  • 7modanella.jpg
  • 8sangimignanello.jpg
  • 9acquaterme.jpg

La revisione periodica delle partecipazioni pubbliche detenute dal Comune di Rapolano Terme al 31 dicembre 2019, nel rispetto della Legge Madia sulla riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche; la presa d’atto del PEF, Piano economico finanziario relativo al servizio rifiuti per l’anno 2020, e l’acquisizione di terreni nel centro storico del capoluogo per valorizzare il collegamento fra Palazzo Pretorio e l’antica torre medievale. Sono stati questi i temi al centro dell’ultima seduta per il 2020 del consiglio comunale di Rapolano Terme, che si è svolta ieri, martedì 29 dicembre, in videoconferenza, nel rispetto delle norme anti Covid-19.

Le comunicazioni del sindaco. La seduta si è aperta con la comunicazione ufficiale al consiglio comunale, da parte del sindaco Alessandro Starnini, della nuova composizione della giunta dopo le dimissioni, per motivi personali, di Elisa Morbidelli e l’ingresso di Giulia Russo. Il primo cittadino ha ringraziato l’assessore uscente per l’impegno e il ruolo svolto fino a pochi giorni fa e ha augurato buon lavoro al neo assessore, la cui nomina è stata salutata positivamente anche dal gruppo consiliare di minoranza “Cambiamo Insieme”.

Società partecipate e PEF 2020 per i rifiuti. La seduta ha visto l’approvazione all’unanimità della revisione periodica delle partecipazioni pubbliche detenute dal Comune di Rapolano Terme al 31 dicembre 2019, nel rispetto dalla Legge Mdia sulle società partecipate. L’atto, presentato dall’assessore al bilancio, Roberto Rosadini, ha confermato l'attuale impianto delle partecipazioni dirette senza nessuna dismissione. L'assessore all’ambiente, Federico Vigni, ha presentato, invece, il PEF, Piano economico finanziario per l'anno 2020 di Sei Toscana, relativo al servizio rifiuti e alla relativa Tari per il 2020 e i possibili sviluppi della tariffa alla luce dei nuovi metodi di calcolo introdotti da ARERA, Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente. Il punto, che prevedeva la presa d’atto del PEF, è stato approvato con il voto favorevole della maggioranza “Futuro per Rapolano Terme, Serre, Armaiolo” e quello contrario della minoranza, con la lista civica “Cambiamo Insieme” e la lista “Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia”.

Altri punti. Il consiglio comunale, inoltre, ha approvato l’acquisto di un piccolo terreno adiacente a Palazzo Pretorio che collegherà quest’ultimo con l'antica torre medievale. Il punto, illustrato dal presidente del consiglio comunale, Doriano Mazzini, è stato approvato con il voto favorevole della maggioranza “Futuro per Rapolano Terme, Serre, Armaiolo” e il voto contrario della lista civica “Cambiamo Insieme” e della lista “Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia”.